Sito di Mario Di Pietro




Dove ti trovi: Home > Depressione > Depressione, capirla e come affrontarla


Cerca nel sito


Ricerca fornita da Google 


Torna all'indice


Cos'è l'E.R.E.

Torna all'indice

In libreria

Link utili

Personalizza

Scegli le dimensioni del testo:



DEPRESSIONE
CAPIRLA E AFFRONTARLA

depressioneSe sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla. Se ti sei già rivolto ad uno psicoterapeuta esperto in terapia cognitivo-comportamentale queste informazioni ti consentiranno di essere più partecipe al processo terapeutico.
Queste pagine non intendono sostituirsi ad un trattamento psicoterapeutico da parte di uno specialista che, nel caso di depressione, è spesso indispensabile. Quanto viene riferito riguarda soprattutto chi soffre di disturbo distimico o di episodio depressivo, diversa è invece la situazione di chi soffre di quel disturbo dell’umore detto disturbo bipolare o di disturbo dell’umore dovuto ad una condizione medica.

CAPIRE LA DEPRESSIONE

La depressione è caratterizzata da un cambiamento nel modo di pensare, di sentire e di agire da parte della persona che ne è afflitta. Anche se questo cambiamento può avvenire in modo graduale, la persona depressa non è più la stessa di prima. Ad esempio, uno studente brillante potrebbe arrivare a convincersi di non essere in grado di terminare i suoi studi; una madre
affettuosa può cominciare a trascurare i figli; un intraprendente lavoratore potrebbe perdere ogni interesse per la propria attività. Inoltre la persona depressa anziché cercare cose piacevoli, finisce per evitarle. Anziché avere cura di sé, finisce per trascurare il suo aspetto. L'istinto di sopravvivenza può lasciare il posto al desiderio di porre fine alla propria vita.

La caratteristica più evidente delle depressione nell’adulto è l’umore triste, un atteggiamento tetro, solitario, apatico. La persona depressa può scoppiare in lacrime anche senza nessuna apparente ragione, può anche avere difficoltà a dormire o svegliarsi molto presto al mattino senza più riuscire a prendere sonno. Oppure, al contrario, può dormire più del solito ed avere costantemente una sensazione di stanchezza. Può darsi che perda appetito e cali di peso, oppure, in alcuni casi, potrà invece mangiare molto più del solito e aumentare di peso. E' tipico che la persona depressa si veda in modo estremamente negativo. Può credere di essere senza speranza e senza aiuto e spesso si biasima e si condanna anche per colpe di poco conto.
Chi è depresso è pessimista riguardo a se stesso, al mondo circostante e al suo futuro.
Perde interesse in ciò che succede intorno a lui e non ricava soddisfazione dalle attività che prima trovava piacevoli. Spesso ha difficoltà a prendere decisioni o a mettere in atto le decisioni prese. Alcune persone possono essere depresse anche senza mostrare segni evidenti di depressione, ma lamentandosi invece per malesseri fisici o dandosi all'alcolismo o all’uso di qualche tipo di droga.

In questi ultimi trent’anni alcuni ricercatori, vista l'inefficacia dei vecchi metodi di trattamento di impostazione psicanalitica hanno cercato di studiare procedure terapeutiche che dessero migliori risultati nel trattamento della depressione. Questi ricercatori hanno scoperto che l'individuo sofferente di depressione tende a interpretare in modo inesatto molte situazioni e che il suo modo di pensare influenza il suo umore, in breve, chi è depresso si sente triste perché pensa in modo distorto riguardo a se stesso e alle cose che gli accadono. Il metodo, quindi, per aiutare una persona depressa consiste nel portarlo a correggere i suoi errori nel modo di pensare "qui e adesso" piuttosto che focalizzare l'attenzione sul suo umore depresso e continuare a frugare nel suo lontano passato. I vari studi effettuati hanno dimostrato che malgrado la bassa opinione di sé, i depressi riescono a svolgere compiti complessi altrettanto bene quanto le persone non depresse. Si è inoltre scoperto che se si aiuta chi è affetto da depressione a rendersi conto di poter riuscire con successo in qualche attività, egli diventerà più ottimista. Il suo umore e l'immagine di se di conseguenza miglioreranno.

La depressione, capirla ed affrontarla
Modi di pensare e depressione
Principali tipi di pensieri negativi
Come riconoscere i pensieri che creano la depressione
Strategie per chi soffre di depressione
Depressione: conclusioni


__________________________________________________________________________
ERE Italia
Corso base sull'EDUCAZIONE RAZIONALE EMOTIVA
Il 31 ottobre 2015 verrà attivato a Montegrotto Terme (PD) il primo corso ufficiale in EDUCAZIONE RAZIONALE EMOTIVA promosso dall’Associazione ERE-Italia. Montegrotto Terme (PD), Hotel Commodore Terme 31 Ottobre 2015 ore 9-13 e 14-18
Conduttori: Dott. Mario Di Pietro - Dott.ssa Simona Bernardini